Cerca nel blog

sabato 9 gennaio 2010

Cammina con Gesù

Stanotte non potevo dormire ed avevo bisogno di Te. Dove eri Gesù che mi hai lasciato solo? Verso le due mi sono addormentato ma non ho avuta nessuna consolazione, così alle cinque mi sono messo a tossire come un cane ma, a nessuno, ho detta la mia disperazione.E, però, sono venuti tutti e mi hanno amato. E mi sono rimesso a letto pacificato. Non ho dormito più, ma ho pensato dove eri stato e con chi: a) Tu mi eri stato vicino e mi avevi detto di non svegliare nessuno per il dolore che avevo provato e di attendere ed io ho atteso ed, alla fine,tutti i miei mi hanno voluto bene e non mi sono sentito più solo. Mi hai provato fino alle cinque del mattino, mi hai fatto attendere che i miei si accorgessero di me, mi hai insegnato ad avere pazienza; b)l'altra volta Ti vidi in chiesa durante la messa. A ricevere l'Ostia vi era un giovane in una sedia a rotelle,un giovane deforme, con la bocca contratta che ululava come un lupo. Stava in quella specie di carrozzina da più di venti anni. Gliene avresti dati dieci. Ti riconobbe,sai, quando Ti ebbe. Vicino c'era la madre, serena e tenera, e Tu stavi con lei. Le avevi trasmesso l'Amore e Lei amava il figlio in maniera esclusiva e non lo avrebbe scambiato con un altro ;c) l'altra mattina stavi all'incrocio di Aversa con Giugliano mischiato a quella torma di negri che si dividevano un pane tra loro. Uno venne a raccogliere la Carità e disse che dovevano dividerla tra loro in parti uguali. Era poca la mia carità ma divenne una cifra enorme ed essi,improvvisamente, mi apparvero tutti ben vestiti e felici. La carità ingrandiva man mano che l'uno la passava all'altro. Loro diventavano belli e si amavano mentre la dividevano. Gesù perchè e come fai a far essere felice e contento chi divide la miseria che ha ? Ti ricordi l'elemosina della vedova ? Che convenienza, con un soldo si conquistò un mondo di felicità; d) l'altro giorno una vecchia barbona scendeva con difficoltà le scale di Montecalvario alla Posta Centrale a Napoli. Un vecchio barbone le dava la mano. Scendeva il gradino prima di lei, le porgeva il braccio. Lei si appoggiava e scendeva. Tu stavi con loro. Non puoi negarlo. Io Ti ho visto sorridere mentre i due vecchietti si facevano anche le cerimonie ed un poco di sentimento.
Gesù è vero che stai anche con le migliaia di operai licenziati ? Con i bambini venduti ? e) un'altra volta - non negarlo - Ti ho visto con una giovane prostituta al corso Arnaldo Lucci a Napoli. Quanto era bella, era proprio - in dialetto napoletano - "nu garofane schiavone". E Tu le assicurasti che nella nottata te la saresti portata in cielo. Gesù ma è forse quella che hanno trovato stanotte straziata e buttata nella fogna? In Paradiso non si riconosce più e luce di luce propria, non prende compensi e non li divide con il lenone di turno.
Gesù, ma tutto questo a cui assistiamo perché lo dobbiamo lottare se le vittime vengono in Paradiso?. Tu dici che, se noi non condividiamo il pane, non saniamo le piaghe, non difendiamo la giustizia, non lottiamo per l'equità, questo mondo diventerà sempre più un inferno ed i dannati saranno sempre di più. Tu dici che dobbiamo testimoniarTi ed adoperare tutto noi stessi perché i cittadini del Tuo Regno, già quà in questo mondo, perché il regno di Dio già è in questo mondo, crescano di numero e di santità.
Fratelli in Cristo. Date la vostra testimionianza. Ditelo dove incontrate Gesù. diffondete la Sua pace.

1 commento:

  1. lucia (luce 2004)28 febbraio 2010 11:04

    La tua capacità di riconoscere Gesù in tutta l'umanità sofferente mi commuove profondamente. Io cerco di riconoscere e vedere Gesù in mio marito soprattutto quando soffre ed ha bisogno di aiuto....cerco di vedere Gesù nell'adolescente che il sabato davanti al supermercato chiede l'elemosina ed io spesso gli porto la colazione....cerco di vedere Gesù nella mia vicina antipatica e di carattere difficile che a volte respinge la compagnia e le parole buone....
    Lucia (luce 2004)

    RispondiElimina