Cerca nel blog

lunedì 25 marzo 2013





L’  INCIDENTE

 

Per favore non create incidenti. Noi abbiamo aperto il cuore alla speranza che si

formi un governo nell’interesse del popolo, cioè che si proponga e riesca a ricavare danaro da tutti quelli che si sono – oso dire – impropriamente arricchiti e dare alle imprese ed ai lavoratori tutti la possibilità di lavorare e produrre. Nella manifestazione tenutasi ieri a Piazza del Popolo o – secondo il battesimo ricevuto dal Massimo Piazza del Popolo della Libertà, erano presenti – perfettamente attrezzati con bandiere striscioni e tutto l’altro che serve ai fini dell’osanna – centinaia di migliaia di persone – donne ed uomini ben vestiti e dalla faccia soddisfatti e sazi – provenienti da tutta Italia. Il coro non era continuo ma frequente ma l’osanna era – privo di ogni dubbio- al più grande, simpatico ed – a settantasei anni – vivace e giovanile Leader Massimo. Alcuni hanno parlato, più che di un compenso, di un indennizzo di spesa, ma non ve ne era bisogno. Le spese credo che siano state a carico dell’organizzazione e , poi, nessuno aveva la faccia da esodato e nessuna di mamma con figli a carico dimagriti e sofferenti.

Belli a vedersi ed anche a sentirsi. Berlusconi – facondo e puntuale oratore – ha precisato il come ed il quando sia stato martoriato , lui povera anima innocente, da una miriadi di processi. Ha chiarito come abbia dovuto incaricare una miriade di campioni del foro e come tutto questo gli sia venuto a costare una cifra di danaro non indifferente che solo lui è stato in grado di affrontare. Ha anche citato l’altro carico di spesa ingente per la moglie Veronica Lario che non gli aggrada più e da cui si è separato. Ha detto che avrebbe parlato poco della giustizia italiana però si è espresso con aggettivi così coloriti vivaci e totali che,sinceramente, mi trattengo dal riferirli. Non per niente ma sempre Giustizia Italiana è e ,poi, lui sta in alto alto ,io sto basso basso non ho soldi e la Giustizia la devo tenere buona. Quella è severa ed a me mi becca subito.

Ha poi tracciato con un linguaggio appropriato un quadro globale della politica italiana, mostrando una perfetta conoscenza dei partiti e della situazione italiana.

Innanzitutto ha detto ha detto a chiare lettere che Beppe Grillo non sa parlare. Anche solo per questo non può assumere cariche. Ebbene devo dirlo, in venti anni di governo – ed anche nella recente campagna elettorale ed in quella che, con eroico sacrificio di se stesso ha iniziato ora – ho sempre ammirato un linguaggio appropriato e dotto, splendido splendente anche nelle citazioni in latino, più raramente in aramaico ebraico e greco, le tre lingue che – cultore ed osservante della Sacra Scrittura –egli detiene oltre italiano e latino.

 

Noi sinceramente preghiamo tanto che si converta, egli con gli altri politici di destra e di sinistra e vengano incontro ai bisogni del popolo italiano.

 

Quattro milioni di famiglie sono in condizioni di povertà assoluta, cioè giornalmente trovano difficoltà ad accompagnare pane e companatico,anche accozzando i pentolini.

Ed i bambini che non possono curarsi?

Man mano che il tempo passa sta diventando sempre più feroce la lotta per un posto di lavoro. E non è vero che due laureati su tre trovano occupazione. Il 70% non trova lavoro. Questo a prescindere dal fatto che il corso di laurea non prepara al lavoro,apre solo  la porta all’apprendistato. Dove è l’apprendistato se le imprese stanno fallendo con una percentuale giornaliera impressionante?

La Nazione Italia non dà pane e lavoro ai suoi abitanti.

La dissolvenza del tessuto sociale non è niente rispetto a quella politica. In un ventennio e più i partiti si sono arroccati in se stessi. I dirigenti sono arricchiti, così gli onorevoli ed i senatori, anche a prescindere dalle somme ricevute per passare da un partito all’altro, per approvare una legge particolare ecc … Le amministrazioni pubbliche hanno creato una serie di società collegate che consumano da una parte i soldi erogati dallo stato ,dall’altra quelli estorti ai cittadini con bollette ed estorsioni varie ed, a volte, fantasiose. La scuola pubblica è in declino, quella privata fiorisce e da pane ai suoi titolati.

“Non lasciatevi assalire dalla sfiducia. Abbiate speranza” . A noi l’esortazione del Papa calza a pennello. Non vogliamo sfiduciarci ma chi  deve formare questo governo? Non è trascorso un giorno dall’ incarico e già lo spirito del PD guaisce e ricorda gli anni della Bicamerale quando un uomo forbito nel porgere ed elegante nel vestirsi e nel gestire si incontrava con Berlusconi ed insieme programmavano la Nuova Repubblica.

 

Ma come? non basta l’ astensione dal voto quasi del 40% degli italiani e la salita al vertice di Beppe Grillo per convincere i politici a sanare i veri bisogni degli italiani? E non a tagliare fette per sé e per i suoi dalla misera torta rimasta, continuare a tagliare.

Finitela! E non fate vergognose manifestazioni di piazza perché la popolazione ,giustamente in agitazione,potrebbe tralignare e generare incidenti.

 

Vincenzo  Cicala


1 commento:

  1. Antimo Villano3 aprile 2013 11:28

    Caro Prof.
    Io la fiducia non la perdo,come lei,come noi
    che bene o male abbiamo di che sfamarci.
    Intanto chi ha fame e no ha nessun sostentamento
    cosa deve fare?
    Può avere pazienza e fiducia colui che ha a carico una famiglia con qualche bocca da sfamare e non sa come procurare il necessario per adempiere ai doveri di genitore?
    Ecco,io vorrei che questi signori pensassero almeno a risolvere i problemi basilari del diritto di vivere per questa povera gente.
    Noi possiamo avere ancora pazienza e fiducia,loro no.Rispettosamente.Antimo Villano

    RispondiElimina